64 pensieri riguardo “Once upon a time in the West

                    1. Certo, se parliamo del Settecento etc, i castrati erano ricercati. Farinelli (Carlo Broschi) era il castrato più famoso di quel tempo.
                      Non sento parlare quasi mai di soprani maschi, anche se ci sono e si esibiscono. Ma i media non se ne occupano, per esempio.

                      "Mi piace"

                    2. Conosco questo brano (l’ho scoperto quando cantavo ancora nel coro).
                      È molto suggestivo e in certi passaggi fa venire i brividi. 😃
                      Non sapevo che Vivaldi l’avesse scritto per un soprano maschio.

                      Piace a 1 persona

                    3. Ho capito… Ti stavo solo chiedendo, se quando canti, la tua voce tende al basso o se hai un timbro da tenore… 😆 Va be’, lascia perdere… Chiamiamola deformazione ‘professionale’ perché ho cantato in un coro per tanti anni… 🤦‍♀️

                      Piace a 1 persona

                    4. Come ho detto a Raffa, anch’io raggiungo note parecchio basse e anche parecchio basse. Mi riesce, invece, faticoso cantare quelle che chiamo ‘note intermedie’. Un’amica direttrice di cori mi aveva spiegato che è normale avere qualche qualche problema con quel gruppo di note. Forse con un po’ di esercizio potrei anche riuscirci. ma ormai non serve neanche più.
                      Sei stato corista?

                      Piace a 1 persona

                1. No… La nostra direttrice non ha mai voluto dare parti da solista. Per tanto tempo ho dovuto cantare da contralto perchè riesco a raggiungere note parecchio basse. Il ‘problema’ è che io ho sempre avuto una vocalità da soprano e solo 2 o 3 anni prima di lasciare il coro sono riuscita a puntare i piedi e a farmi spostare dalla sezione dei contralti a quella dei soprani. L’unica parte ‘da solita’ che ho cantato è stata la melodia principale nel “Gabriel’s oboe” ma la cantavamo in 4.

                  Piace a 1 persona

                    1. Quando cantavo ci mettevo l’anima. Cantare mi piace e cantare da soprano è una cosa liberatoria.
                      In questi anni ho cercato di imparare da sola lo “Stabat Mater” di G. B. Pergolesi.

                      E’ un’opera che sento nelle mie corde e quando sono in forma riesco a fare il secondo brano – assolo per soprano (al 5′.2′” circa) – “Cuius animan gementem” senza problemi. Lo trovo divertentissimo, vocalmente parlando. 😊

                      Piace a 1 persona

    1. Io non incido canzoni, se ti stavi rivolgendo a me. Ero solo una corista. 😊

      La sto ascoltando: la tipa ha una bella voce. Ma suonata dall’orchestra è tutta un’altra cosa… 😉

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...