I sing the body electric

Fonte: Youtube

I sing the body electric

I sing the body electric
I celebrate the me yet to come
I toast to my own reunion
When I become one with the sun

And I’ll look back on Venus
I’ll look back on Mars
And I’ll burn with the fire of ten million stars
And in time
And in time
We will all be stars

I sing the body electric
I glory in the glow of rebirth
Creating my own tomorrow
When I shall embody the earth

And I’ll serenade Venus
I’ll serenade Mars
And I’ll burn with the fire of ten million stars
And in time
And in time
We will all be stars

We are the emperors now
And we are the czars
And in time
And in time
We will all be stars

I sing the body Electric
I celebrate the me yet to come
I toast to my own reunion (my own reunion)
When I become one with the stars

And I’ll Look back on Venus
(I’ll look back on vanity)
I’ll look back on Mars
(Ill at this path)
I’ll burn with the fire
(burn)
Of 10 million stars
(fire inside)
And in time (And in time)
And in time
And in time (and in time)
And in time
And in time (and in time)
And in time
WE WILL ALL BE STARS

– Dal film “Fame” –


********


Da un ‘corpo elettrico’ a un altro…

…sebbene estranei l’uno all’altro.


I Sing the Body Electric

BY WALT WHITMAN

1
I sing the body electric, 
The armies of those I love engirth me and I engirth them, 
They will not let me off till I go with them, respond to them, 
And discorrupt them, and charge them full with the charge of the soul. 

Was it doubted that those who corrupt their own bodies conceal themselves? 
And if those who defile the living are as bad as they who defile the dead? 
And if the body does not do fully as much as the soul? 
And if the body were not the soul, what is the soul? 

2
The love of the body of man or woman balks account, the body itself balks account, 
That of the male is perfect, and that of the female is perfect. 

The expression of the face balks account, 
But the expression of a well-made man appears not only in his face, 
It is in his limbs and joints also, it is curiously in the joints of his hips and wrists, 
It is in his walk, the carriage of his neck, the flex of his waist and knees, dress does not hide him, 
The strong sweet quality he has strikes through the cotton and broadcloth, 
To see him pass conveys as much as the best poem, perhaps more, 
You linger to see his back, and the back of his neck and shoulder-side. 

The sprawl and fulness of babes, the bosoms and heads of women, the folds of their dress, their style as we pass in the street, the contour of their shape downwards, 
The swimmer naked in the swimming-bath, seen as he swims through the transparent green-shine, or lies with his face up and rolls silently to and fro in the heave of the water, 
The bending forward and backward of rowers in row-boats, the horseman in his saddle, 
Girls, mothers, house-keepers, in all their performances, 
The group of laborers seated at noon-time with their open dinner-kettles, and their wives waiting, 
The female soothing a child, the farmer’s daughter in the garden or cow-yard, 
The young fellow hoeing corn, the sleigh-driver driving his six horses through the crowd, 
The wrestle of wrestlers, two apprentice-boys, quite grown, lusty, good-natured, native-born, out on the vacant lot at sun-down after work, 
The coats and caps thrown down, the embrace of love and resistance, 
The upper-hold and under-hold, the hair rumpled over and blinding the eyes; 
The march of firemen in their own costumes, the play of masculine muscle through clean-setting trowsers and waist-straps, 
The slow return from the fire, the pause when the bell strikes suddenly again, and the listening on the alert, 
The natural, perfect, varied attitudes, the bent head, the curv’d neck and the counting; 
Such-like I love—I loosen myself, pass freely, am at the mother’s breast with the little child, 
Swim with the swimmers, wrestle with wrestlers, march in line with the firemen, and pause, listen, count. 

3
I knew a man, a common farmer, the father of five sons, 
And in them the fathers of sons, and in them the fathers of sons. 

This man was of wonderful vigor, calmness, beauty of person, 
The shape of his head, the pale yellow and white of his hair and beard, the immeasurable meaning of his black eyes, the richness and breadth of his manners, 
These I used to go and visit him to see, he was wise also, 
He was six feet tall, he was over eighty years old, his sons were massive, clean, bearded, tan-faced, handsome, 
They and his daughters loved him, all who saw him loved him, 
They did not love him by allowance, they loved him with personal love, 
He drank water only, the blood show’d like scarlet through the clear-brown skin of his face, 
He was a frequent gunner and fisher, he sail’d his boat himself, he had a fine one presented to him by a ship-joiner, he had fowling-pieces presented to him by men that loved him, 
When he went with his five sons and many grand-sons to hunt or fish, you would pick him out as the most beautiful and vigorous of the gang, 
You would wish long and long to be with him, you would wish to sit by him in the boat that you and he might touch each other. 

4
I have perceiv’d that to be with those I like is enough, 
To stop in company with the rest at evening is enough, 
To be surrounded by beautiful, curious, breathing, laughing flesh is enough, 
To pass among them or touch any one, or rest my arm ever so lightly round his or her neck for a moment, what is this then? 
I do not ask any more delight, I swim in it as in a sea. 

There is something in staying close to men and women and looking on them, and in the contact and odor of them, that pleases the soul well, 
All things please the soul, but these please the soul well. 

5
This is the female form, 
A divine nimbus exhales from it from head to foot, 
It attracts with fierce undeniable attraction, 
I am drawn by its breath as if I were no more than a helpless vapor, all falls aside but myself and it, 
Books, art, religion, time, the visible and solid earth, and what was expected of heaven or fear’d of hell, are now consumed, 
Mad filaments, ungovernable shoots play out of it, the response likewise ungovernable, 
Hair, bosom, hips, bend of legs, negligent falling hands all diffused, mine too diffused, 
Ebb stung by the flow and flow stung by the ebb, love-flesh swelling and deliciously aching, 
Limitless limpid jets of love hot and enormous, quivering jelly of love, white-blow and delirious juice, 
Bridegroom night of love working surely and softly into the prostrate dawn, 
Undulating into the willing and yielding day, 
Lost in the cleave of the clasping and sweet-flesh’d day. 

This the nucleus—after the child is born of woman, man is born of woman, 
This the bath of birth, this the merge of small and large, and the outlet again. 

Be not ashamed women, your privilege encloses the rest, and is the exit of the rest, 
You are the gates of the body, and you are the gates of the soul. 

The female contains all qualities and tempers them, 
She is in her place and moves with perfect balance, 
She is all things duly veil’d, she is both passive and active, 
She is to conceive daughters as well as sons, and sons as well as daughters.
 

As I see my soul reflected in Nature, 
As I see through a mist, One with inexpressible completeness, sanity, beauty, 
See the bent head and arms folded over the breast, the Female I see. 

6
The male is not less the soul nor more, he too is in his place, 
He too is all qualities, he is action and power, 
The flush of the known universe is in him, 
Scorn becomes him well, and appetite and defiance become him well, 
The wildest largest passions, bliss that is utmost, sorrow that is utmost become him well, pride is for him, 
The full-spread pride of man is calming and excellent to the soul, 
Knowledge becomes him, he likes it always, he brings every thing to the test of himself, 
Whatever the survey, whatever the sea and the sail he strikes soundings at last only here, 
(Where else does he strike soundings except here?) 

The man’s body is sacred and the woman’s body is sacred, 
No matter who it is, it is sacred—is it the meanest one in the laborers’ gang? 
Is it one of the dull-faced immigrants just landed on the wharf? 
Each belongs here or anywhere just as much as the well-off, just as much as you, 
Each has his or her place in the procession. 

(All is a procession, 
The universe is a procession with measured and perfect motion.) 

Do you know so much yourself that you call the meanest ignorant? 
Do you suppose you have a right to a good sight, and he or she has no right to a sight? 
Do you think matter has cohered together from its diffuse float, and the soil is on the surface, and water runs and vegetation sprouts, 
For you only, and not for him and her? 

7
A man’s body at auction, 
(For before the war I often go to the slave-mart and watch the sale,) 
I help the auctioneer, the sloven does not half know his business. 

Gentlemen look on this wonder, 
Whatever the bids of the bidders they cannot be high enough for it, 
For it the globe lay preparing quintillions of years without one animal or plant, 
For it the revolving cycles truly and steadily roll’d. 

In this head the all-baffling brain, 
In it and below it the makings of heroes.
 

Examine these limbs, red, black, or white, they are cunning in tendon and nerve, 
They shall be stript that you may see them.
 

Exquisite senses, life-lit eyes, pluck, volition, 
Flakes of breast-muscle, pliant backbone and neck, flesh not flabby, good-sized arms and legs, 
And wonders within there yet. 

Within there runs blood, 
The same old blood! the same red-running blood! 
There swells and jets a heart, there all passions, desires, reachings, aspirations, 
(Do you think they are not there because they are not express’d in parlors and lecture-rooms?

This is not only one man, this the father of those who shall be fathers in their turns, 
In him the start of populous states and rich republics, 
Of him countless immortal lives with countless embodiments and enjoyments. 

How do you know who shall come from the offspring of his offspring through the centuries? 
(Who might you find you have come from yourself, if you could trace back through the centuries?)

8
A woman’s body at auction, 
She too is not only herself, she is the teeming mother of mothers, 
She is the bearer of them that shall grow and be mates to the mothers. 

Have you ever loved the body of a woman? 
Have you ever loved the body of a man? 
Do you not see that these are exactly the same to all in all nations and times all over the earth?
 

If any thing is sacred the human body is sacred, 
And the glory and sweet of a man is the token of manhood untainted, 
And in man or woman a clean, strong, firm-fibred body, is more beautiful than the most beautiful face. 

Have you seen the fool that corrupted his own live body? or the fool that corrupted her own live body? 
For they do not conceal themselves, and cannot conceal themselves. 

9
O my body! I dare not desert the likes of you in other men and women, nor the likes of the parts of you, 
I believe the likes of you are to stand or fall with the likes of the soul, (and that they are the soul,) 
I believe the likes of you shall stand or fall with my poems, and that they are my poems, 
Man’s, woman’s, child’s, youth’s, wife’s, husband’s, mother’s, father’s, young man’s, young woman’s poems, 
Head, neck, hair, ears, drop and tympan of the ears, 
Eyes, eye-fringes, iris of the eye, eyebrows, and the waking or sleeping of the lids, 
Mouth, tongue, lips, teeth, roof of the mouth, jaws, and the jaw-hinges, 
Nose, nostrils of the nose, and the partition, 
Cheeks, temples, forehead, chin, throat, back of the neck, neck-slue, 
Strong shoulders, manly beard, scapula, hind-shoulders, and the ample side-round of the chest, 
Upper-arm, armpit, elbow-socket, lower-arm, arm-sinews, arm-bones, 
Wrist and wrist-joints, hand, palm, knuckles, thumb, forefinger, finger-joints, finger-nails, 
Broad breast-front, curling hair of the breast, breast-bone, breast-side, 
Ribs, belly, backbone, joints of the backbone, 
Hips, hip-sockets, hip-strength, inward and outward round, man-balls, man-root, 
Strong set of thighs, well carrying the trunk above, 
Leg fibres, knee, knee-pan, upper-leg, under-leg, 
Ankles, instep, foot-ball, toes, toe-joints, the heel; 
All attitudes, all the shapeliness, all the belongings of my or your body or of any one’s body, male or female, 
The lung-sponges, the stomach-sac, the bowels sweet and clean, 
The brain in its folds inside the skull-frame, 
Sympathies, heart-valves, palate-valves, sexuality, maternity, 
Womanhood, and all that is a woman, and the man that comes from woman, 
The womb, the teats, nipples, breast-milk, tears, laughter, weeping, love-looks, love-perturbations and risings, 
The voice, articulation, language, whispering, shouting aloud, 
Food, drink, pulse, digestion, sweat, sleep, walking, swimming, 
Poise on the hips, leaping, reclining, embracing, arm-curving and tightening, 
The continual changes of the flex of the mouth, and around the eyes, 
The skin, the sunburnt shade, freckles, hair, 
The curious sympathy one feels when feeling with the hand the naked meat of the body, 
The circling rivers the breath, and breathing it in and out, 
The beauty of the waist, and thence of the hips, and thence downward toward the knees, 
The thin red jellies within you or within me, the bones and the marrow in the bones, 
The exquisite realization of health; 
O I say these are not the parts and poems of the body only, but of the soul, 
O I say now these are the soul!

Dal sito https://www.poetryfoundation.org/


Traduzione

(dal blog https://viapozzo6.wordpress.com/


Canto il Corpo Elettrico
DI WALT WHITMAN

1

Canto il corpo elettrico,
Eserciti di chi amo cingo e mi cingono,
Non mi lasceranno finché li accompagno, li ascolto,
Li purifico, li colmo con il carico dell’anima.

Fu mai messo in dubbio che chi contamina il proprio corpo si nasconde?
E se chi inquina i viventi fosse malvagio quanto chi inquina i morti?
E se il corpo non facesse tanto quanto l’anima?
E se il corpo non fosse l’anima, cos’è l’anima?

2

L’amore del corpo di uomo o donna rifugge spiegazioni, il corpo stesso le rifugge,
Quello del maschio è perfetto, e quello della femmina è perfetto.

L’espressione del viso rifugge spiegazioni,
Ma l’espressione di un uomo ben formato non si mostra solo in viso,
E’ nei suoi arti e nelle giunture, stranamente nelle giunture di anche e polsi,
E’ nella sua andatura, il portamento del collo, la flessione di cinta e ginocchi, le vesti non lo celano,
La sua finissima qualità pulsa attraverso cotone e flanella,
Vederlo passare trasmette quanto un grande poema, forse più,
Ti fermi per ammirarlo di spalle, la sua schiena e il collo.

L’agio e la pienezza dei bambini, i seni e la testa delle donne, le pieghe dei loro vestiti, il loro stile mentre passiamo in strada, il contorno delle loro forme dall’alto al basso,
Il nuotatore nudo in piscina, visto mentre nuota nel riflesso verde-trasparente, o giace faccia in su e ondeggia silente dentro e fuori la densità dell’acqua,
Il piegarsi avanti e indietro dei rematori nelle barche a remi, il cavaliere in sella,
Ragazze, madri, domestiche, in tutte le loro prestazioni,
Il gruppo di operai seduti in pausa pranzo con i cestini del pranzo aperti, e le loro mogli che aspettano,

La femmina che consola un bambino, la figlia del contadino in giardino o nell’aia,
Il giovane che zappa il granoturco, il cocchiere che conduce i suoi sei cavalli nella folla,
La lotta dei lottatori, due giovani apprendisti, un po’ cresciuti, vigorosi, ben dotati, indigeni, fuori su un incolto al tramonto dopo il lavoro,
I cappotti e i cappelli gettati a terra, l’abbraccio di amore e resistenza,
La presa alta e la presa bassa, i capelli scompigliati e davanti agli occhi;
La marcia dei pompieri nei loro costumi, la messinscena di muscoli mascolini attraverso pantaloni puliti e cinturoni,
Il lento ritorno dall’incendio, il fermarsi quando l’allarme risuona ancora, e l’ascolto della campana,

Le naturali, perfette, variegate inclinazioni, la testa piegata, il collo incurvato e il calcolo;
Così -come amo fare- mi distendo, libero, sono al seno materno con il piccolo bambino,
Nuoto con i nuotatori, lotto con i lottatori, marcio in fila con i pompieri, e mi fermo, ascolto, calcolo.

3

Conoscevo un uomo, un comune contadino, il padre di cinque figli,
A loro volta padri di figli, a loro volta padri di figli.

Quest’uomo aveva un vigore meraviglioso, calma, bellezza di spirito,
La forma della sua testa, il giallo chiaro e il bianco di capelli e barba, l’infinita espressività dei suoi occhi neri, la ricchezza e completezza delle sue maniere,
Tutto questo cercavo nell’andare a visitarlo, era anche saggio,
Era alto quasi due metri, aveva più di ottant’anni, i suoi figli erano colossi, puliti, barbuti, abbronzati, attraenti,
Loro e le sue figlie lo amavano, chiunque lo vedesse lo amava,
Non lo amavano per interesse, lo amavano con amore sincero,
Beveva solo acqua, il sangue si mostrava scarlatto sotto la pelle marroncina del suo viso,
Era assiduo cacciatore e pescatore, conduceva la sua stessa barca, ne aveva una buona procuratagli da un falegname, aveva fucili da caccia procurati da gente che lo amava,
Quando andava con i suoi cinque figli e molti nipoti a cacciare o pescare, l’avreste notato come il più bello e vigoroso della compagnia,
Avreste voluto stare con lui a lungo, avreste voluto sedergli così vicino nella barca da potervi toccar
e.

4

Ho percepito che stare con chi mi piace è sufficiente,
Fermarsi in compagnia degli altri la sera è sufficiente,
Essere circondati da corpi belli, curiosi, ridenti è sufficiente,
Passare fra loro o toccarli, o in modo leggero posargli o posarle un braccio intorno al collo per un attimo, cosa vuol dire?
Non chiedo maggior delizia, mi ci tuffo come in un mare.

C’è qualcosa nello stare vicino a uomini e donne e nell’osservarli, e nel contatto e nel loro odore, che appaga completamente l’anima,
Ogni cosa appaga l’anima, ma queste cose l’appagano completamente.

5

Questa è la forma femminile,
Un nembo divino esala dalla sua figura intera,
Attrae con feroce e innegabile magnetismo,
Sono disegnato dal suo soffio come se non fossi altro che inerme vapore, tutto precipita tranne me stesso,
Libri, arte, religione, tempo, la terra solida e visibile, e ciò che era atteso come paradiso o temuto come inferno, sono consumati ora,
Filamenti folli, proiettili vaganti ne scaturiscono, la risposta altrettanto ingovernabile,
Capelli, seno, anche, gambe piegate, mani lasciate cadere leggere, anche le mie leggere,
Riflusso ferito dalla marea e marea ferita dal riflusso, carni rigonfie e dolcemente doloranti,
Sconfinati getti d’amore limpido ed enorme, gelatina tremante d’amore, succo sbiancato e delirante,
Notte coniugale d’amore che lavora sicura e lieve nell’alba prostrata,
Oscillando nel giorno desideroso e docile,
Persa nel solco di carne dolce e avvolgente del giorno.

Questo il nucleo – dopo che il figlio è nato da donna, l’uomo è nato da donna,
Questo il bagno della nascita, questo il misto di stretto e largo, e ancora lo sfogo.

Non vi vergognate donne, il vostro privilegio include il resto, ed è la via di uscita del resto,
Siete le porte del corpo, e siete le porte dell’anima.

La femmina contiene tutte le qualità e le tempra,
E’ al suo posto e si muove in perfetto equilibrio,
E’ ogni cosa debitamente celata, è sia passiva che attiva,
E’ atta a concepire figlie così come figli, e figli così come figlie.

Come vedo la mia anima riflessa nella Natura,
Come vedo attraverso la nebbia, Una cosa di inesprimibile pienezza, salute, bellezza,
Vedo il capo inclinato e braccia incrociate sul seno, così io vedo la Femmina.

6

Il maschio non è né più né meno dell’anima, anch’egli è al suo posto,
Anch’egli è tutte le qualità, è azione e potenza,
Il fuoco dell’universo conosciuto è in lui,
L’infamia gli si addice bene, e l’appetito e l’insolenza gli si addicono bene,
Le più grandi e selvagge passioni, beatitudine suprema, dispiacere supremo gli si addicono bene, l’orgoglio è suo,
Ogni sorta di orgoglio umano è calmante ed eccellente per l’anima,
La conoscenza gli si addice, lui sempre l’apprezza, è portato a sperimentare tutto su di sé,
Qualsiasi esperienza, qualunque sia il mare o la vela egli in fine getta lo scandaglio sempre qui,
(Dove altro getta lo scandaglio se non qui?)
Il corpo dell’uomo è sacro e il corpo della donna è sacro,
Non importa di chi è, è sacro – è il più cattivo della cricca degli operai?
E’ uno dei volti smorti degli immigranti appena sbarcati sul molo?
Ciascuno è di qui o di ovunque proprio quanto un benestante, proprio quanto te,
Ciascuno o ciascuna ha il suo posto nella processione.

(Tutto è una processione,
L’universo è una processione dal moto perfetto e calibrato.)

Conosci così bene te stesso da considerarti un povero ignorante?
Supponi di aver diritto a un buon giudizio, mentre lui o lei non ne hanno diritto?
Pensi che la materia si sia aggregata dal suo fluttuare, e le terre siano emerse, e l’acqua scorra e la vegetazione fiorisca,
Per te solo, e non per lui e lei?

7

Il corpo di un uomo all’incanto,
(Poiché prima della guerra andavo spesso al mercato degli schiavi a guardare la vendita,)
Aiuto il banditore, lo schiavista non arriva a capire la metà dei suoi affari.

Gentiluomini osservate questo stupore,
Qualunque siano le offerte degli offerenti non possono essergli pari,
Per esso la terra giacque pronta per miliardi di anni senza animali o piante,
Per esso i cicli di rivoluzione originali e perpetui si compivano.

In questa testa il cervello confusionario,
In esso e sotto di esso le gesta degli eroi.

Esaminate questi arti, rossi, neri, o bianchi, sono congegni di tendini e nervi,
Dovrebbero essere scuoiati in modo da poterli vedere.

Sensi raffinati, occhi vivaci, coraggio, determinazione,
Fasci di muscoli pettorali, flessione di colonna e collo, carne soda, braccia e gambe proporzionati,
E altre meraviglie lì dentro.

Lì dentro scorre sangue,
Il caro vecchio sangue! Il caro sangue rosso fluente!
Lì un cuore succhia e sputa, lì tutte le passioni, i desideri, le ambizioni, le aspirazioni,
(Pensi che non ci siano perché non sono espresse in salotti e biblioteche?)

Questo non è semplicemente un uomo, questo è padre di coloro che saranno padri a loro volta,
In lui il principio di stati popolosi e ricche repubbliche,
Sue le innumerevoli vite immortali con innumerevoli incarnazioni e piaceri.
Come potreste sapere chi discenderà dal seme del suo seme nel trascorrere dei secoli?
(Da chi potreste scoprire di discendere, se poteste indagare nei
secoli trascorsi?)

8

Il corpo di una donna all’incanto,
Anch’ella non è solo una donna, è un torrente di madri,
E’ la portatrice di coloro che cresceranno e saranno compagni delle madri.

Avete mai amato il corpo di una donna?
Avete mai amato il corpo di un uomo?
Non vi rendete conto che sono identici in tutto e per tutto in ogni tempo e nazione della terra?

Se tutto è sacro il corpo umano è sacro,
E la gloria e la dolcezza di un uomo sono il marchio della purezza umana,
E nell’uomo o nella donna un corpo pulito, ben strutturato, è più bello del più bello dei volti.

Avete visto il folle che ha corrotto il suo stesso corpo? O la folle che ha corrotto il suo stesso corpo?
Poiché non si nascondono, e non possono nascondersi
.

9

Oh corpo mio! Non oso sminuire quelli come te di fronte ad altri uomini e donne, né le tue parti,
Credo che quelli come te debbano resistere o cadere insieme a cose come l’anima, (e che siano l’anima stessa,)
Credo che quelli come te debbano resistere o cadere insieme alle mie poesie, e che siano le mie stesse poesie,
Le poesie dell’uomo, della donna, del bambino, del ragazzo, della moglie, del marito, del padre, del giovane, della giovane,
Testa, collo, capelli, orecchie, (…) e timpano delle orecchie,
Occhi, ciglia, iride dell’occhio, sopracciglia, e la veglia o il sonno delle palpebre,
Bocca, lingua, labbra, denti, palato, mandibole, e l’articolazione della mandibola,
Naso, narici del naso, e la partizione,
Guance, tempie, fronte, mento, gola, retro del collo, rotazione del collo,
Spalle forti, barba virile, scapole, retro delle spalle, e l’ampia circonferenza del petto
Braccio, ascella, incavo del gomito, avambraccio, muscoli del braccio, ossa del braccio,
Polsi e giunture del polso, mano, palmo, nocche, pollice, indice, articolazioni delle dita, unghie,
Petto ampio, peli ricci del petto, sterno, lato del torace,
Coste, pancia, colonna vertebrale, vertebre,
Anche, curve e forza dell’anca, rotazione oraria e antioraria, palle d’uomo, radice d’uomo,
Coppia di forti cosce, stabili sotto al tronco,
Fibre delle gambe, ginocchio, rotula, parte sopra e sotto della gamba,
Caviglie, collo del piede, malleolo, dita del piede, giunture, il calcagno;
Tutte le funzioni, tutte le forme, tutte le proprietà del mio o vostro corpo o di chiunque sia, maschio o femmina,
I polmoni spugnosi, la sacca dello stomaco, l’intestino dolce e pulito,
Il cervello nei suoi meandri interni alla forma del cranio,
Sintonie, valvole cardiache, membrane, sessualità, maternità,
Femminilità, e tutto ciò che è una donna, e l’uomo che nasce da donna,
Il grembo, le tette, capezzoli, latte materno, lacrime, riso, pianto, sguardi d’amore, turbamenti amorosi e ascensioni,
La voce, articolazione, linguaggio, sussurro, forte grido,
Cibo, bevanda, pulsazione, digestione, sudore, sonno, camminata, nuoto,
Appoggio sulle anche, salto, inclinazione, abbraccio, incurvamento e stretta degli arti,
I continui cambi di tensione della bocca, e intorno agli occhi,
La pelle, l’abbronzatura, lentiggini, peli,
La strana empatia che uno sente quando tocca con la mano la carne nuda del corpo,
I fiumi concentrici del respiro, e l’inspirazione e l’espirazione,
La bellezza della cinta, e quindi delle anche, e quindi giù fino alle ginocchia,
Le sottili gelatine rosse dentro di voi o di me, le ossa e il midollo nelle ossa,
La squisita realizzazione della salute;
Oh io dico che queste non sono solo le parti e le poesie del corpo, ma dell’anima,
Oh io dico che esse sono l’anima!


Dalla pagina: https://viapozzo6.wordpress.com/2015/12/28/canto-il-corpo-elettrico/


Tipi psicologici e un test

 

 

 

Jung definisce il tipo psicologico come ciò  “che determina e limita il giudizio dell’uomo” tal che “ogni modo di considerare le cose è necessariamente relativo, vale a dire influenzato “dal modo con cui l’individuo si rivolge al mondo, il suo rapporto con gli uomini e le cose.

 

I tipi psicologici da lui individuati – nel suo saggio intitolato, appunto “Tipi psicologici” – si dividono in 8 tipi fondamentali e corrispondono al modo in cui ogni individuo si rapporta al mondo circostante. Dice Jung:

 

«Il tipo è un esempio od un modello delcarattere peculiare di una specie o di una collettività. Nel senso più ristretto di questo lavoro, il tipo è un modello caratteristico di un atteggiamento generale, che si manifesta sotto diverse forme individuali. Dei numerosi tipi possibili in questa sede ne ho definiti quattro; essi sono quelli che seguono le quattro funzioni psichiche fondamentali: il pensiero, il sentimento, l’intuizione, la sensazione. Quando un tale atteggiamento è abituale e caratterizza l’individuo, io parlo di tipo psicologico. I tipi basati sulle funzioni fondamentali si possono chiamare: tipo di pensiero (o logico), tipo sentimentale, tipo intuitivo, tipo sensoriale; tutti questi tipi si dividono in razionali e irrazionali. Ai primi appartengono il tipo di pensiero e quello sentimentale; ai secondi il tipo sensoriale e il tipo intuitivo. Infine, le preferenze della libido permettono di distinguere introversi ed estroversi. Tutti i tipi fondamentali possono appartenere ad ambedue le classi, secondo che domini l’introversione o l’estroversione».

 

Jung arriva, quindi, a ipotizzare l’esistenza di otto tipi psicologici: il tipo pensiero-estroverso, il tipo sentimentale-estroverso, il tipo intuitivo-estroverso, il tipo sensoriale-estroverso, il tipo pensiero-introverso, il tipo sentimentale-introverso, il tipo intuitivo-introverso, il tipo sensoriale-introverso.

 

Così Jung definisce l’introversione:

 

«Chiamo introversione il rivolgersi della libido verso l’interno del soggetto. Questo fatto esprime un rapporto negativo del soggetto verso l’oggetto. L’interesse non si dirige verso l’oggetto, ma si ritira e ritorna verso il soggetto stesso.
L’uomo introverso pensa, sente e agisce in un modo che mostra chiaramente che è il soggetto a determinare ogni suo atteggiamento, mentre l’oggetto ha solo un’importanza secondaria. L’introversione può avere un carattere intellettuale o affettivo; essa può anche avere come suo carattere distintivo l’intuizione o la sensazione; essa è attiva se il soggetto vuole isolarsi dall’oggetto; è passiva quando il soggetto è incapace di ricondurre sull’oggetto la libido che se ne ritrae. L’introversione abituale è caratteristica del tipo introverso».

 


Definisce invece così l’estroversione:

 

«Estroversione significa orientamento della libido verso l’esterno. Chiamoestroverso un rapporto del soggetto con l’oggetto tale che l’interesse soggettivo si muove positivamente versol’oggetto. Nello stato di estroversione si pensa, si sente e si agisce relativamente all’oggetto, in modo evidente e direttamente percettibile, tanto che l’atteggiamento positivo del soggetto riguardo all’oggetto è fuori di dubbio. In un certo senso, è un atto di trasferimento dell’interesse del soggetto nell’oggetto. Se si tratta di un’estroversione del pensiero, il soggetto si pensa in qualche modo nell’oggetto; se si tratta invece di un’estroversione del sentimento, questo compenetrerà l’oggetto come dall’interno. Nello stato di estroversione il soggetto è fortemente ma non esclusivamente condizionato dall’oggetto. L’estroversione è attiva quando è intenzionale, voluta dal soggetto; passiva, al contrario, quando è l’oggetto che l’ottiene con forza, attirando, suo malgrado, l’interesse del soggetto. L’estroversione abituale produce il tipo estroverso»

 

 

Sulla classificazione di Jung sopra riportata si basa il cosiddetto Indicatore di personalità di Myers-Briggs – o MBTI (Myers-Briggs Type Indicator).


Questo indicatore fu elaborato da Katharine Cook Briggs e sua figlia Isabel Briggs Myers, durante la seconda guerra mondiale per aiutare le donne, che stavano entrando per la prima volta nel mondo del lavoro per colmare il vuoto lasciato dagli uomini, impegnati in guerra, a capire quali fossero i mestieri più adatti a loro. 

 

Jung propose l’esistenza di due coppie dicotomiche di funzioni cognitive:

 

la coppia di giudizio o razionale: ragionamento e sentimento

la coppia di percezione o irrazionale: intuizione e sensazione.

 

Ogni persona esprimerebbe queste funzioni prevalentemente “verso gli altri” (in maniera estro-versa) oppure “verso la sfera interiore” (in maniera intro-versa).

 

Partendo dalle date le dicotomie estroverso/introverso, ragionamento/sentimento, sensazione/intuizione, la teoria di Jung individua otto possibili archetipi di personalità.

 

Nell’indicatore di Myers-Briggs aggiunge quarta dicotomia – giudizio / percezione –  che individua quale delle funzioni l’individuo utilizza preferibilmente nel suo rapporto col mondo esterno.

 

Questo indicatore, quindi, arriva ad individuare  16 tipi psicologici.

 

Le quattro coppie di caratteristiche sono così schematizzate:

 

Dicotomie: 

 

Estroversione (E) – (I) Introversione


Sensitività (S) – (N) Intuizione


Ragionamento (T) – (F) Sentimento


Giudizio (J) – (P) Percezione

 

Le lettere fra parentesi fanno riferimento ai corrispondenti termini inglesi:


extraversion / ntroversion,


sensitivity / intuition,


thinking / feeling,


judgment / perception.

 

 

 

I sedici tipi di personalità individuati dall’MBTI sono, quindi:

 

 

ISTJ  ISFJ  INFJ  INTJ


ISTP  ISFP  INFP  INTP


ESTP  ESFP  ENFP  ENTP


ESTJ  ESFJ  ENFJ  ENTJ

 

 

 

 

Fonte: https://it.wikipedia.org/wiki/Tipi_psicologici e https://it.wikipedia.org/wiki/Indicatore_Myers-Briggs

 

 

Esistono alcuni test della personalità basati sull’indicatore MBTI; questo è uno

 

https://www.16personalities.com/it

 

Io l’ho rifatto a distanza di tempo e ho notato un cambiamento nel mio modo di intendere la mia vita e di gestirla. Può essere uno svago oppure un’informazione utile su se stessi. Questione di scelte… 😉

 

 

 

 

 

Pinguina maiala! 😜

 

(Post del 23-9-2010)

 

 

Qualche giorno fa mi è capitato fra le mani il “Libro dell’ignoranza sugli animali” di John Mitchinson & John Lloyd. E’ un libro parecchio interessante e divertente che svela tante piccole curiosità su animali che fanno parte della nostra quotidianità e su altri che, invece, vivono molto lontano da noi.
Potevo, forse, resistere alla tentazione di cercare notizie sui pinguini (dato che ce n’è uno in copertina)? La domanda è retorica e la risposta è scontata. Così ho iniziato a leggere e poi…ecco cosa ho scoperto:

 

” (…) Il 75% dell’esistenza molti [pinguini] lo trascorrono in mare. Soltanto il pinguino imperatore e il pigoscelide di Adelia vivono esclusivamente in Antartide. I pigoscelidi di Adelia (Pygoscelis Aldeliae) prendono il nome da un esploratore francese, Jules-Sébastien-César Dumont d’Urville (1790-1842) . Nel 1840, la sua nave approdò a un’isola al largo della ghiacciata piattaforma continentale antartica, e i suoi uomini la battezzarono isola D’Urville, in suo onore. Più tardi, si imbatterono in un pinguino tarchiato, con mantello nero e ventre bianco, e lo chiamarono come la moglie di D’Uville, Adelia.

Il pigoscelide di Adelia vive in comunità vastissime, anche di 750 000 uccelli. Come altri pinguini, esegue una manovra della slender walk, <>: tiene bene indietro le ali deputate al nuoto quando si strizza per sgusciare tra la folla. Le femmine di pigoscelide di Adelia fanno il nido usando le pietre, un articolo raro in Antartide e per il quale sono disposte a pagare. Quando il partner si distrae, loro offrono << favori intimi >> a qualche maschio single in cambio di pietre più grosse e migliori: è l’unico esempio noto di prostituzione aviaria.

I << clienti >> a volte sono così soddisfatti del servizio che le femmine possono tornare a prendersi altre pietre; in cambio non sono neanche tenute a fare sesso, ma soltanto a flirtare un po’. Una femmina particolarmente civettuola è riuscita a procacciarsi 62 sassi, in questo modo. Chiaramente, i maschi ritengono che valga la pena di perdere pietre pur di diventare padri.

Secondo l’ipotesi degli zoologi, può darsi che il tentativo delle femmine sia quello di aumentare la variabilità genetica della propria prole… O forse si divertono e basta. “

 

 

Eeehhh ?!?!  😳😲

Mmmmm… Sarà, forse, il caso di cambiare avatar?  🤔

 

 

😆

       Fonte: Youtube. 

Ipse dixit

Zafón sapeva costruire le immagini e rendere reali. Sapeva catturare l’attenzione del lettore e tenerla in ballo fino alla fine. E’ un peccato che se ne sia andato.


“ Questo luogo è un mistero, Daniel, un santuario. Ogni libro, ogni volume che vedi possiede un’anima, l’anima di chi lo ha scritto e l’anima di coloro che lo hanno letto, di chi ha vissuto e di chi ha sognato grazie ad esso. Ogni volta che un libro cambia proprietario, ogni volta che un nuovo sguardo ne sfiora le pagine, il suo spirito acquista forza. Molti anni fa, quando mio padre mi portò qui per la prima volta, questo luogo era già vecchio, quasi come la città. Nessuno sa con certezza da quanto tempo esista e chi l’abbia creato. Ti posso solo ripetere quello che mi disse mio padre: quando una biblioteca scompare, quando una libreria chiude i battenti, quando un libro si perde nell’oblio, noi, custodi di questo luogo, facciamo in modo che arrivi qui. E qui i libri che più nessuno ricorda, i libri perduti nel tempo, vivono per sempre, in attesa del giorno in cui potranno tornare nelle mani di un nuovo lettore, di un nuovo spirito. Noi li vendiamo e li compriamo, ma in realtà i libri non ci appartengono mai. Ognuno di questi libri è stato il miglior amico di qualcuno. Adesso hanno soltanto noi, Daniel. Pensi di poter mantenere il segreto? 

– Carlos Ruiz Zafón, “L’ombra del vento” –

Jill Bolte Taylor – neuroscienziata – racconta il suo ictus.

Questo post risale all’11 gennaio 2013. Quasi due anni prima ero stata operata al cervello a causa di un angioma cavernoso sanguinolento che mi ha quasi fatto perdere l’uso della parola. Sono stata operata da neurochirurghi eccezionali in un ospedale pubblico e ora – a quasi 9 anni di distanza – posso dirmi perfettamente guarita. Un annetto dopo l’intervento, una persona mi ha consigliato il libro di Jill Bolte Taylor “La scoperta del giardino della mente”. Lei – neuroscienziata – racconta la sua esperienza con l’ictus che l’ha colpita quando aveva 37 anni. E’ un libro importante. Per me lo è stato perché, oltre al racconto della disperazione legata alla malattia, contiene un potente messaggio di speranza e positività.

Ne consiglio la lettura a tutti.


Prima copertina
Copertina attuale


Ho postato questo video l’11-1-2013 e come avevo scritto in quel post, nelle parole di Jill Bolte Taylor c’è anche un po’ della mia esperienza personale.


Fonte: Youtube


“Ero in un mondo tra i mondi. Non riuscivo a mettermi in rapporto con nessuno, eppure continuavo a vivere. Ero una stranezza, e non soltanto per chi mi circondava ma, dentro di me, per me stessa.”

 – Dr. Jill Bolte Taylor, “La scoperta del giardino della mente-Cosa ho imparato dal mio ictus cerebrale” – 


Ipse dixit

” Le persone condividono i libri che amano. Vogliono trasmettere ad amici e familiari il benessere che hanno provato quando lo hanno letto e le idee che hanno trovato in quelle pagine. Condividendo un libro amato, si sta cercando di condividere la stessa eccitazione, il piacere e i brividi della lettura. Per quale altro motivo farlo? Condividere l’amore per i libri e per un libro in particolare è una bella cosa. Ma è anche un gesto delicato, per entrambe le parti. Il donatore non sta esattamente mettendo a nudo la propria anima perché l’altro possa darvi un’occhiata ma, quando offre un libro dicendo che è uno dei suoi preferiti, è come se lo stesse facendo… “



– Nina Sankovitch, “Se per un anno una lettrice” –