Sul ponte sventola bandiera gialla (semicit.)

La Sardegna sta per tornare in zona gialla. Potrebbe succedere addirittura subito dopo Ferragosto. Sebbene in moltissimi abbiamo già completato il ciclo vaccinale, gli ospedali (e le terapie intensive) stanno ricominciando a riempirsi di malati di Covid. La novità è che quasi tutti sono non vaccinati: per patologie che non consentono la vaccinazione, per contrattempi vari o per presa di posizione.

Detto questo, tante grazie a chi si sente invulnerabile al punto di snobbare un vaccino che può aiutare ad evitare il ricovero o, peggio, un’eventuale intubazione.

Mentre lorsignori fanno allo Stato una guerra ideologica, gli ospedali stanno di nuovo rallentando le altre visite. Già adesso le previsioni sui futuri morti di cancro, per esempio, sono allarmanti, visto che, durante le precedenti ondate dei contagi, la prevenzione di certi tumori sono completamente saltate perché gli ospedali erano strapieni di malati di Covid. Ma allora non c’era il vaccino. Adesso ce ne sono almeno 3 e intasare di nuovo gli ospedali solo per portare avanti un’ideologia egoistica e incomprensibile è da irresponsabili. Poi, di fronte al numero dei morti, si potrà tirare in ballo la sfortuna, il fato o Dio. Ma la realtà è che avrà trionfato l’egoismo di chi non ha voluto darla vinta al sistema (lo stesso discorso vale per l’uso della mascherina e il mantenimento delle distanze) senza pensare alle inevitabili conseguenze.

Ormai non si ha più la percezione dell’altro e questo fatto, oltre ad essere una cosa triste, è anche pericolosa perché siamo tutti “l’altro” di qualcuno: tutti possiamo vedere i nostri diritti calpestati da chi non ha intenzione di adempiere ai propri doveri (sociali, morali etc) e quando ci succede ci sentiamo feriti. Tutti.

Che lo vogliamo o no, siamo tutti sotto lo stesso cielo.

Pubblicità

23 pensieri riguardo “Sul ponte sventola bandiera gialla (semicit.)

    1. Benvenuta e grazie per la visita e per il commento. 🙂
      Purtroppo, non capiscono di stare minando la propria vita e quella di persone fragili, che non possono difendersi in altro modo se non grazie all’immunità ‘di comunità’ (o di gregge).
      Mi è capitato di parlarne anche con persone religiose che di fronte a questi discorsi hanno storto il naso. In pratica, ok amare il prossimo come se stessi ma solo se la cosa non comporta sacrifici.

      Va be’, lasciamo state, va’…

      Buona serata. 🙂

      "Mi piace"

  1. Concordo con te, anche se devo ammettere (dopo ciò che è successo a me con Moderna), che ora sono un po’ scettica quando si parla di vaccino. Se ci sarà la necessità di una terza dose, non mi tirerò indietro, però con le dovute precauzioni. Dopo la seconda dose di Moderna, sono stata ricoverata per tre giorni al Pronto Soccorso poiché le mie piastrine sono calate in modo anomalo (parecchio al di sotto dei valori normali). Durante il mio ricovero mi è venuto spontaneo di digitare su internet “Moderna controindicazioni piastrine” ed ecco che mi appaiono un sacco di articoli in cui si spiega che c’è un nesso tra la vaccinazione e il crollo delle piastrine… Perché non sono stata informata prima, mi chiedo.
    Premessa, io non ho MAI avuto problemi di sangue e credo che sia evidente anche dal fatto che cinque giorni dopo le mie dimissioni dal Pronto Soccorso erano tornate a 216,000… contro le 87,000 di quando sono stata ricoverata (il valore normale parte da ca 150,000).
    Credo che ci sia bisogno di più chiarezza, tutto qui.

    Cambiando discorso, sono molto contenta che la Sardegna stia tornando alla normalità. Credo che sia uno dei posti più belli d’Italia e non vedo l’ora di tornarci.

    Buon Ferragosto 🙂

    Piace a 3 people

    1. Leggo con curiosità, felice che tutto sia andato a posto. Chissà che spavento. Ottimo commento. Tuttavia concordo per il discorso invincibili vaccino ospedali e menefreghismo. E lo scrissi anche qualche giorno fa.
      La Sardegna è pazzescamente meravigliosa.

      Piace a 1 persona

      1. Grazie. Ora sto molto meglio, anche se devo fare ancora visite di controllo visto che le piastrine continuano a salire e scendere, per fortuna però rimanendo sempre su valori normali. Mi sono spaventata perché per il mio fisico è stata veramente difficile. Non mi ricordo di essere mai stata così male.

        Piace a 1 persona

    2. Mi dispiace moltissimo per questa tua brutta esperienza e spero che tu possa risolvere la cosa presto e bene.
      Purtroppo, i farmaci (praticamente tutti) non sono sicuri al 100% perchè siamo fatti tutti in modo diverso e possiamo reagire in modo altrettanto diverso alla stessa sostanza. Per esempio, io sono soggetta alla tracheite. Circa 3 anni fa, avevo un brutto mal di gola ma cantavo ancora nel coro: eravamo pochi e ogni corista era necessaria/o; quindi dovevo recuperare la voce in fretta Il medico mi aveva prescritto un cortisonico per bocca ma da assumere mediante aspirazione. Dopo un paio di assunzioni ho cominciato ad avere dei broncospasmi. Ovviamente, il medico mi ha tolto quel farmaco e mi ha dato un antibiotico. La cosa strana è che io non sono allergica al cortisone (infatti un paio di qualche mese dopo ho dovuto prenderlo di nuovo e stavolta mi sono state prescritte delle compresse. Ho saputo di altre persone che avevano preso lo stesso farmaco che a me ha dato i broncospasmi e non hanno avuto problemi.

      I vaccini sono la stessa cosa. Considera che questi vaccini erano allo studio da quando circolava la Sars, solo che quando si fanno le battaglie sulle cifre da stanziare alla fine i tempi si dilatano. Col Covid, si è capito finalmente che la salute non ha prezzo (anche se ora Pfizer sta vergognosamente cercando di tirare su il prezzo del vaccino per l’Europa.

      Detto questo, spero davvero che tu possa stare meglio e che non ci sia bisogno di una terza dose. Spero anche che, in questa eventualità, tu possa trovare un medico preparato come l’ho trovato io, che sappia dirti cosa c’è da aspettarsi dopo l’inoculazione.
      Un abbraccio grande e buona serata. 😊

      Ps. La Sardegna è bella e anche taaaaanto problematica …e mal governata da tempo. …Ma questo è un altro discorso e con questo caldo riesco a portare avanti solo una polemica alla volta. 🥴

      Buon Ferragosto a te. 😊

      "Mi piace"

      1. Grazie per il tuo messaggio 😘.
        Si, va molto meglio ☺️.

        Per quanto riguarda la Sardegna, credo che tutta l’Italia stia affrontando gli stessi problemi. Speriamo che la situazione migliori.

        Ti auguro anch’io un buon Ferragosto. Un abbraccio 🌈☀️🌺🌸🍀

        "Mi piace"

    1. Grazie. 😀 Bentrovato. 😊

      Qui abbiamo avuto un paio di settimane con temperature che andavano dai 35° ai 44° eancora non sembra essere finita, questa traginovela del caldo assurdo. Non sto bene, purtroppo. La zone della testa in cui ho subito la craniotomia mi fa male e la parte della faccia sottostante è quasi sempre gonfia a causa del caldo. Sto passando le giornate spesso inerte e odio sentirmi così. Spero che arrivi presto l’autunno (stagione che, di solito, mi intristisce).
      Da martedì le temperature dovrebbero scendere di almeno 10 gradi. 🤞
      Tu come stai?

      Piace a 1 persona

  2. Capisco la tua amarezza, davvero, ma credo che il problema sia in un sistema sanitario che non è stato potenziato: non è pensabile che gli ospedali non possano affrontare le emergenze, anche adesso che sono sicuramente meno numerose che all’inizio, e soprattutto è uno scandalo che siano trascurate patologie come quelle oncologiche, che sono ben più urgenti e letali (se trascurate) rispetto al covid. Se c’era una cosa che la pandemia doveva insegnarci era a privilegiare la spesa sanitaria su qualunque altra cosa. Quando i giornali scrivono “Occupato il 90% dei posti in terapia intensiva”, dimenticano di dire che i posti di terapia intensiva sono pochi, spesso pochissimi. E’ questa la vera vergogna. Invece di arricchire le case farmaceutiche acquistando vaccini che non danno garanzie di immunizzazione e spesso provocano più problemi che altro, avrebbero dovuto investire nella sanità. Ma è molto più facile non fare nulla e dare la colpa ai cittadini che per vari motivi non si vaccinano.

    Piace a 1 persona

    1. Ciao, Raffa. È vero che abbiamo un sistema sanitario tutt’altro che perfetto ma è gratuito e questo è già molto. La spesa sanitaria è sempre stata penalizzata. Ne consegue anche una mancanza cronica di personale e di macchinati/spazi adeguati a ogni evenienza.
      Ma siamo.di fronte a un qualcosa di inedito: una pandemia. In tutto il mondo si è cercato di affrontare la situazione; spesso le varie strategie nazionali si sono discostate fra loro ma nessuno Stato ha ancora trovato la strategia vincente. Tutti gli Stati guidati dal buon senso, però, hanno scelto la strada del vaccino, secondo il motto “Prevenire è meglio che cirare”. Anche la mascherina fa parte della prevenzione e così il distanziamento sociale. Ma ci sono ancora troppi minus habens che protestano anche contro l’uso delle mascherine e che se ne sbattono del rischio di fare assembramenti.
      La Sardegna è a un passo dalla zona gialla. Di nuovo. E ancora una volta per colpa di chi non rispetta le regole. Qui sono arrivate persone che allo sbarco non sono state controllate. Ma anche questo è un altro discorso (che siamo mal governati da parecchio tempo, ormai è cosa assodata).
      Gli ospedali sono stati anche modificati al loro interno per fronteggiare l’emergenza Covid e questo ha anche cominciato a far slittare tutte le altre patologie in secondo (terzo, quarto…ultimo) piano perchè il personale.serviva nei reparti covid. Allora era una situazione inedita e si sapeva ancora poco sul Covid. Ma ora se ne sa molto di più e, in questo nuovo bagaglio di conoscenza, rientrano anche i vaccini. È vero che non si sa cosa ci sia dentro ma se anche ce lo spiegassero coi disegnini, lo capiremmo, io e tutti quelli che non hanno fatto studi scientifici e medici?
      Sentire gente che dice che non si vuole vaccinare perchè non sa cosa ci sia dentro, francamente, mi lascia interdetta (diciamo così), anche perchè magari lo dicono persone che vanno da MacDonald o si ammazzano di grassi saturi in casa propia.o fumano…o si buttano in corpo beveroni di ogni tipo per dimagrire etc.
      Qui, chi ha patologie delicate ma può soppprtare il vaccino viene vaccinato direttamente in ospedale e viene tenuto sotto stretta osservazione. Idem negli hub vaccinali. Io sono allergica alle melanzane e il medico che ha parlato con me ha segnato sul mio foglio che sarei dovuta stare in osservazione per 30 minuti. In quel lasso di tempo, una infermiera non perdeva d’occhio nessuno di noi.
      Io, personalmente, mi sono vaccinata per me, per i miei e per chi può avere delle fragilità ed entrare in contatto con me.
      Penso che cercare di fare il possibile per non gravare sul sistema sanitario – già abbondantemente provato – sia un dovere di tutti. In un commento sul solito social bluastro, giorni fa, ho petto una frase del tipo: “Io pago le tasse e il posto in terapia intensiva per me ci dev’essere”. Io non pensavo che esistessero esseri umani con un simile livello di stupidità: pur di non darla vinta al ‘sistema’ si arriva a dire stronzate del genere, senza pensare che – visto che le terapie intensive (sebbene aumentate di numero) sono ancora pochine – tutti potremmo averne bisogno. Basta un grave incidente stradale, per esempio. Non riesco a capire come si possa essere così egoisti.
      Concludo, dicendo che, come “non esistono atei nelle corsie d’ospedale”, sono molti i novax che al momento del ricovero e/o dell’intubazione implorano per avere il vaccino perchè stanno sperimentando il fatto che di “coviddi” ce n’è e che fa anche molto male.

      Detto questo, noi cittadini abbiamo anche il dovere di rispettare le regole. Chi sbraita parlando di dittatura sanitaria, dovrebbe sapere che l’art. 16 della nostra costituzione dice che: “Ogni cittadino può circolare e soggiornare liberamente in qualsiasi parte del territorio nazionale, salvo le limitazioni che la legge stabilisce in via generale per motivi di sanità o di sicurezza.”

      Buona serata. 😊

      Piace a 1 persona

  3. E’ quello che ti fanno credere. Gli ospedali si sono riempiti perché hanno dato il via libera a tutti senza nessun controllo. Dovresti saperlo perché in Sardegna è pieno di turisti, tutti attaccati senza nessuna protezione.
    Io non mi sono vaccinato ma in presenza degli altri uso mascherina e distanziamento.

    Piace a 1 persona

    1. Sono cifre ufficiali, A.P.
      La Sardegna è piena di turisti, è vero. È anche vero che abbiamo una giunta regionale vergognosa (parlo della maggioranza, visto che spadroneggia, fa e disfa a piacere). Il turismo è sacro e fanculo i controlli.
      Il tampone fatto entro 48 ore, poi, non garantisce nulla, visto che 5 minuti dopo essere risultato negativo puoi avere a che fate con un positivo e infettarti.
      Ciò che segna la differenza fra il vaccinarsi o meno è che chi si vaccina può anche contrarre il covid ma in maniera più lieve e non riportare le.conseguenze e gli strascichi che il covid lascia nell’organismo (ciò che viene chiamato ‘long covid’). Arriveremo a dover mettere la mascherina anche all’aperto (di nuovo!) per proteggere le persone fragili (cosa sacrosanta) ma anche chi non vuole vaccinarsi e, in questo caso, la mia libertà di poter respirare senza quello schermo azzurro davanti alla bocca almeno all’aperto viene soppressa da chi vuole essere libero di non vaccinarsi.
      Non avevo dubbi sulla tua correttezza verso gli altri.
      Per il resto, io credo che il vaccino sia l’unica corsia preferenziale che abbiamo a disposizione per superare questo grande problema globale.

      Buona serata. 😊

      "Mi piace"

      1. lo dico e lo ripeto nel 67 per la poliomielite è stata votata in parlamento una legge che lo rendeva obbligatori. Ed hanno dato la pensione a tutti quelli che hanno avuto problemi.
        Se è vero quello che dicono chi gli vieta di renderlo obbligatorio.Vadano in parlamento e votino. Invece che inventarsi queste cazzate.

        Piace a 1 persona

        1. Penso che l’occasione sia fin troppo ghiotta perchè ci sarebbero orde di persone pronte a reclamare un risarcimento per qualunque tipo di effetto collaterale (viviamo nel Paese dei falsi invalidi, delle frodi assicurative etc.). …E in un momento come questo, in cui bisogna sveltire i corso dei processi vedersi ingolfare ancora di più la macchina giudiziaria sarebbe un delirio.
          Ai tempi dell’antipolio ci si fidava di chi aveva studiato; oggi i social hanno dato a chiunque (ma proprio a chiunque) l’idea di poter smentire chi ha dedicato la propria vita allo studio del funzionamento del corpo umano (ma anche chi ha acquisito solide competenze in altri campi di studio e di indagine).
          Il dubio dovrebbe portare allo studio e all’approfondimento di ciò che lascia perplessi. …Invece è diventato una sorta di scorciatoia per accreditarsi come persone intellettuali.
          Il dubbio fine a se stesso non porta da nessuna parte; di questo ne sono assolutamente convinta.

          Piace a 1 persona

          1. Quindi mi fai firmare Sai che hai firmato una manleva) che tu stato e tu casa farmaceutica ve ne lavate le mani e se succede qualcosa sono solo cavoli miei.
            Scusa non funziona così.
            Certo poi ci sono sentenze che danno torto allo stato, ma questa è un’altra storia.

            Piace a 1 persona

            1. Sì, ho firmato il consenso informato. Ho seguito millanta interviste a virologi di ogni tipo che hanno spiegato come si comporta il virus e come agisce il vaccino, anzi i vaccini, visto che ce n’è uno con il virus depotenziato e 2 con l’RNA messaggero. Quando ho deciso di farmi vaccinare ero più che convinta di volerlo fare.
              Quando sono nata mi sono presa la polinervite (infiammazione del sistema nervoso periferico) e sono stata per 9 mesi in ospedale. Ho avuto febbri che hanno toccato i 41° e sono stata sotto la tenda a ossigeno. Allora non si era capito che fosse polinervite e mi hanno curata con moltissimi antibiotici e medicine che arrivavano dall’America (chissà cosa c’era dentro 🤔). La malattia mi ha lasciato delle conseguenze visibili ma non invalidanti. Ma le medicine mi hanno salvata e mi hanno salvata i tentativi, magari azzardati, dei medici che mi hanno curata. Però, ancora adesso penso che se negli anni ’50 o ’60 quel virus fosse stato studiato a dovere e se fosse stato messo a punto un vaccino da far assumere alla popolazione, io mi sarei evitata i 9 mesi di sofferenze dopo la nascita e tutte le conseguenze fisiche (con relative prese in giro). Anche per questo ho deciso di farmi vaccinare.

              Serena notte. 😊

              "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...