Soldier of fortune

Fonte: Youtube

“Soldier of fortune”

I have often told you stories about the way
I lived the life of a drifter
Waiting for the day
When I’d take your hand and sing you songs
Then maybe you would say
“Come lay with me and love me”
And I would surely stay
But I feel I’m growing older
And the songs that I have sung
Echo in the distance
Like the sound
Of a windmill going round
Guess I’ll always be a soldier of fortune
Many times I’ve been a traveller
I looked for something new
In days of old when nights were cold
I wandered without you
But those days I thought my eyes had seen you standing near
Though blindness is confusing
It shows that you’re not here
Now I feel I’m growing older
And the songs that I have sung
Echo in the distance
Like the sound
Of a windmill going round
Guess I’ll always be a soldier of fortune
I can hear the sound
Of a windmill going round
Guess I’ll always be a soldier of fortune
I guess I’ll always be
A soldier of fortune

– Deep purple –

Pubblicità

Vorrei

Fonte: Youtube

” Vorrei “

Vorrei conoscer l’odore del tuo paese
Camminare di casa nel tuo giardino
Respirare nell’aria sale e maggese
Gli aromi della tua salvia e del rosmarino
Vorrei che tutti gli anziani mi salutassero
Parlando con me del tempo e dei giorni andati
Vorrei che gli amici tuoi tutti mi parlassero
Come se amici fossimo sempre stati
Vorrei incontrare le pietre, le strade, gli usci
E i ciuffi di parietaria attaccati ai muri
Le strisce delle lumache nei loro gusci
Capire tutti gli sguardi dietro agli scuriE lo vorrei
Perché non sono quando non ci sei
E resto solo coi pensieri miei ed ioVorrei con te da solo sempre viaggiare
Scoprire quello che intorno c’è da scoprire
Per raccontarti e poi farmi raccontare
Il senso d’un rabbuiarsi o del tuo gioire
Vorrei tornare nei posti dove son stato
Spiegarti di quanto tutto sia poi diverso
E per farmi da te spiegare cos’è cambiato
E quale sapore nuovo abbia l’universo
Vedere di nuovo Istanbul o Barcellona
O il mare di una remota spiaggia cubana
O un greppe dell’Appennino dove risuona
Fra gli alberi un’usata e semplice tramontana
E lo vorrei
Perché non sono quando non ci sei
E resto solo coi pensieri miei ed ioVorrei restare per sempre in un posto solo
Per ascoltare il suono del tuo parlare
E guardare stupito il lancio, la grazia, il volo
Impliciti dentro al semplice tuo camminare
E restare in silenzio al suono della tua voce
O parlare, parlare, parlare, parlarmi addosso
Dimenticando il tempo troppo veloce
O nascondere in due sciocchezze che son commosso
Vorrei cantare il canto delle tue mani
Giocare con te un eterno gioco proibito
Che l’oggi restasse oggi senza domani
O domani potesse tendere all’infinitoE lo vorrei
Perché non sono quando non ci sei
E resto solo coi pensieri miei ed io…

– Francesco Guccini –